Spinacio rampicante caucasico (Hablitzia tamnoides)

Questa varietà di spinacio rampicante si è diffusa in Europa occidentale dal 1700 d.C. in poi, a partire dalla Svezia. Lo Hablitzia è originario del Caucaso, dove cresce spontaneamente nelle zone semi-ombrose sotto a gli alberi a foglia.
Ne sono commestibili sono le foglie, i germogli e soprattutto le gemme di primavera, i quali, tutti, si possono consumare crudi o cotti al vapore come gli spinaci e utilizzati nelle zuppe e negli stufati, sulla pizza, cotti nel wok o fatti in insalata.
Lo spinacio rampicante caucasico è vagamente paragonabile a un’altra variante degli spinaci, il farinello buon-enrico (Chenopodium bonus-henricus)

 

Spinaci fragola (Chenopodium virgatum)

Le foglie vengono utilizzate come gli spinaci, mentre le succose bacche rosse, di aspetto simile alle fragole, hanno un gradevole sapore di nocciola e ricordano la barbabietola rossa. Quando fa caldo, questa pianta emana un particolare profumo gradevole, tanto che si può individuarla dall’odore!

Spinaci fragola (Chenopodium virgatum)

Le foglie vengono utilizzate come gli spinaci, mentre le succose bacche rosse, di aspetto simile alle fragole, hanno un gradevole sapore di nocciola e ricordano la barbabietola rossa. Quando fa caldo, questa pianta emana un particolare profumo gradevole, tanto che si può individuarla dall’odore!

Atriplice degli orti- spinacione (Orache)

(verde, rosso e viola)
Mia bisnonna coltivava lo spinacio ancora come prezioso ortaggio a foglia, pur tuttavia esso è stato scalzato dagli spinaci. Oggi lo spinacione è tornato ad essere un ortaggio esclusivo dall’ottimo gusto e viene coltivato dagli amanti dell’orto. Spesso viene definito l’insalata spagnola.
Le sue foglie sono ricche di ferro, calcio e vitamina A. I giovani germogli e le foglie vengono utilizzati in insalata, ma possono anche essere cotti come gli spinaci o saltati in olio.

Spinacio gigante (Chenopodium giganteum)

Si tratta di una coltivazione antica, che anche in Alto Adige era nota – e in parte ancora lo è – con il nome di “Albero degli spinaci”.
Si utilizza come gli spinaci – cotto rende molto nel sapore – ma anche nelle insalate crude.
Le punte delle foglie sono di colore rosso porpora.

 

Amaranto

Ne abbiamo coltivato diverse varietà, e, anche in questo caso, ci sembra che esse siano davvero molte, con foglie di diversi colori: verdi, rosse, rosso intenso e verde-rosso!
Nel sapore, le diverse varietà si distinguono a malapena l’una dall’altra. Le foglie possono essere consumate crude o cotte al vapore. Ricordano molto il grano!